Scontrino elettronico: dal 1° gennaio 2020 il via alla trasmissione telematica

30 ottobre 2019

Dal 1° gennaio 2020 scontrini e ricevute verranno sostituiti da un documento commerciale, che potrà essere emesso esclusivamente utilizzando un registratore telematico (RT) o una procedura web messa a disposizione gratuitamente dall’Agenzia delle entrate.

Chi effettua operazioni di “commercio al minuto e attività assimilate”, per le quali non è obbligatoria l’emissione della fattura (se non richiesta dal cliente), deve certificare i corrispettivi tramite memorizzazione e trasmissione telematica degli stessi all’Agenzia delle entrate.

Tra i soggetti interessati, oltre ai commercianti, rientrano quelli che attualmente emettono ricevute fiscali (artigiani, alberghi, ristoranti, asili nido, parrucchieri, barbieri, ambulanti, ecc.).

Per il consumatore cambia poco: non riceverà più uno scontrino o una ricevuta ma un documento commerciale, che non ha valore fiscale ma che potrà essere conservato come garanzia del bene o del servizio pagato, per un cambio merce, eccetera.

Sono esonerate dall’obbligo di memorizzazione elettronica le operazioni individuate dal Dm 10 maggio 2019. Tra queste, tutte le operazioni per le quali anche in precedenza l’esercente non era obbligato ad emettere scontrino o ricevuta (per esempio le corse dei taxi, le vendite di giornali, ecc.), le prestazioni di trasporto pubblico collettivo di persone e di veicoli e bagagli al seguito, le operazioni effettuate a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso di un trasporto internazionale.

Come fare

Gli strumenti per adempiere ai nuovi obblighi sono:

  • il REGISTRATORE TELEMATICO (RT), che, in sintesi, consiste in un registratore di cassa con capacità di connettersi a internet. Ci sono diversi modelli di RT a seconda dell’operatività dell’esercente o dell’artigiano (ad esempio RT fisso, RT portatile). Il registratore telematico consente di memorizzare la singola operazione e, al contempo, emettere il documento commerciale esattamente come avveniva con il registratore di cassa tradizionale. A differenza di quest’ultimo, però, al momento della chiusura di cassa l’RT, in automatico (quindi senza alcun intervento dell’esercente), predispone e sigilla elettronicamente il file contenente i dati complessivi dei corrispettivi della giornata lavorativa e trasmette tale file al sistema dell’Agenzia delle entrate in modo sicuro. Pertanto, è anche possibile utilizzare l’RT senza connessione alla rete internet nella fase di memorizzazione e generazione dei documenti commerciali delle singole operazioni e connettere l’apparecchio alla rete internet al momento della chiusura di cassa finché non abbia completato la trasmissione.
  • la PROCEDURA WEB “documento commerciale online”, presente nel portale “Fatture e Corrispettivi” del sito dell’Agenzia e utilizzabile anche su dispositivi mobili. La procedura è messa a disposizione gratuitamente dall’Agenzia delle Entrate. In tal caso la connessione ad internet è richiesta per ogni operazione quindi deve essere sempre attiva.

 

Sanzioni

La mancata memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi, o quando gli stessi vengono memorizzati o trasmessi con dati incompleti o non veritieri, comporta l’applicazione della sanzione pari al 100% dell’imposta relativa all’importo non correttamente documentato con un minimo di 500 euro. È prevista, inoltre, la sanzione accessoria della sospensione della licenza o dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività, ovvero dell’esercizio dell’attività stessa, nei casi più gravi di recidiva (quando nel corso di un quinquennio vengono contestate quattro distinte violazioni, compiute in giorni diversi).

Per chi non riesce a dotarsi in tempo di un registratore telematico, la legge ha previsto una moratoria delle sanzioni che durerà massimo per sei mesi.

È molto importante, quindi, attivarsi sin da subito per verificare e acquistare - presso i rivenditori autorizzati - il registratore telematico ovvero adattare, se tecnicamente possibile, il registratore di cassa già in uso.

 

Fonte: Agenzia delle Entrate - Ottobre 2019 - L’Agenzia informa - Scontrino elettronico

Archivio news

 

News dello studio

feb21

21/02/2020

Bonus assunzioni 2020: arriva "IO Lavoro"

Con il decreto n. 52/2020 al via IO Lavoro “IncentivO Lavoro” istituito dall'ANPAL, con gestione affidata all'INPS. IO Lavoro può essere chiesto dalle aziende che assumono nuovo personale

feb21

21/02/2020

Bonus facciate 2020: detrazione del 90%

Bonus facciate 2020: detrazione del 90%

La Legge di Bilancio 2020 (L. 160/2019) ha introdotto una nuova agevolazione consistente in una detrazione dall’imposta lorda (questo è il “bonus”) pari al 90% delle spese sostenute

feb18

18/02/2020

Credito d’imposta per beni strumentali generici “ex super-ammortamento” (L. 160/2019, art. 1, commi 184-197)

La Legge di Bilancio 2020 (L. 160/2019) ha riscritto radicalmente la disciplina riguardante le agevolazioni per l’acquisto di beni strumentali rientranti nell’attività di impresa e

feb13

13/02/2020

Bando INAIL ISI 2019: pubblicate le date che condurranno al click day!

L'INAIL ha reso disponibile il calendario che cadenza gli step da seguire per inoltrare la domanda di agevolazione per la realizzazione di progetti di investimento volti al miglioramento documentato

News

feb22

22/02/2020

Riforma fiscale: si può evitare una “riformicchia”

La riforma tributaria dovrebbe garantire

feb22

22/02/2020

La formazione continua finanziata e il cortocircuito europeo. Come uscirne?

Promuovere le attività di formazione rivolte

feb21

21/02/2020

UE, mobilità green? Servono 3 milioni di colonnine pubbliche entro il 2030

A fine 2019 si contavano circa 185 mila