Resto al Sud: pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto concernente la misura incentivante

12 dicembre 2017

In sintesi il nuovo programma di agevolazioni, “Resto al Sud”, dedicato ai giovani under 36 residenti nelle regioni del Mezzogiorno gestito da Invitalia


Soggetti beneficiari

Possono partecipare i giovani di età compresa tra i 18 ed i 35 anni di età che, al momento della presentazione della domanda:

  1. Siano residenti o trasferiscano la residenza entro 60 giorni dall’accoglimento della domanda in una delle seguenti Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia;
  2. non abbiano un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per tutta la durata del finanziamento
  3. non siano già titolari di altra attività di impresa in esercizio prima della data del 21 giugno 2017
  4. Non risultino beneficiari, nell’ultimo triennio, di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità.

 

Agevolazione

-          L’agevolazione massima concedibile è fissata in € 50.000,00 di cui il 35% a fondo perduto ed il restante 65% con finanziamento bancario a tasso zero.

-          In caso di società, già costituite o da costituire, l’importo massimo del finanziamento è pari ad € 50.000,00 per ciascun socio avente i requisiti sopra evidenziati, fino ad un massimo di € 200.000,00.


Forma giuridica ammessa

Sono ammissibili le seguenti forme giuridiche:

-          Impresa individuale;

-          Società (incluse le cooperative). 


Settori ammessi

Possono partecipare le attività riferite a:

-          Produzione di beni nel settore dell’artigianato, agricolo e industria;

-          Fornitura di servizi

Sono escluse le attività commerciali e quelle libero professionali.


Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese funzionali alla realizzazione del progetto di investimento e rientranti nelle seguenti categorie:

-          Opere edili relative a interventi di ristrutturazione e/o manutenzione straordinaria nel limite del 30% del programma di spesa;

-          Macchinari, impianti e attrezzature nuove di fabbrica;

-          Programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della telecomunicazione;

-          Spese relative al capitale circolante nel limite del 20% del programma di spesa, quali: materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti, utenze, canoni di locazione per immobili, spese per l’acquisizione di garanzie assicurative funzionali all’attività esercitata.


Modalità di erogazione

L’erogazione del contributo a fondo perduto avviene su richiesta del soggetto beneficiario.

Le modalità sono sostanzialmente due:

-          In un’unica soluzione a saldo;

-          Mediante stati di avanzamento lavori (SAL) in numero non superiore a 2.

Il primo SAL dovrà riguardare almeno il 50% del programma di spesa e potrà essere richiesto mediante la presentazione di fatture anche non quietanzate.

Lo Studio Genus è a disposizione per informazioni ed aiuto alla predisposizione delle richieste di agevolazioni.

 


 

Di seguito due link di interesse

Invitalia
Decreto

Archivio news

 

News dello studio

giu28

28/06/2018

Fattura elettronica carburanti: si rimanda al 1° gennaio 2019

Fattura elettronica carburanti: si rimanda al 1° gennaio 2019

Il decreto legge “leggero” approvato ieri ha disposto lo slittamento dell’obbligo di emissione della fattura elettronica nella cessione di carburanti al 1° gennaio prossimo. Ciò

giu27

27/06/2018

Incentivi per l’assunzione e la formazione  di giovani laureati e diplomati

Incentivi per l’assunzione e la formazione di giovani laureati e diplomati

La Regione Basilicata ha messo in campo una serie di bonus volti ad incentivare l’assunzione a tempo indeterminato di giovani diplomati e laureati. Destinatari Gli incentivi sono concessi per

giu27

27/06/2018

Contributi a fondo perduto per le PMI: “Mini PIA” – Pacchetti Integrati Agevolativi

Contributi a fondo perduto per le PMI: “Mini PIA” – Pacchetti Integrati Agevolativi

La Regione Basilicata ha emanato un nuovo Avviso Pubblico denominato “Piani di Sviluppo Industriale attraverso pacchetti integrati agevolativi (MINI PIA)” finalizzato al rafforzamento delle

giu20

20/06/2018

Stipendi, stop ai contanti: dal 1° luglio solo pagamenti tracciati

Stipendi, stop ai contanti: dal 1° luglio solo pagamenti tracciati Dal 1° luglio 2018 è vietato il pagamento delle retribuzioni in contanti. La norma servirà a combattere forme

News

lug16

16/07/2018

CNDCEC e CNF in prima linea contro i sistemi di riciclaggio delle organizzazioni criminali

“Il Consiglio nazionale dei commercialisti

lug16

16/07/2018

UNGDCEC: il decreto Dignità va nella giusta direzione, ma serve più audacia

Con il decreto Dignità si assiste a una

lug16

16/07/2018

GDPR e whistleblowing: tutele a tutto campo nei settori pubblico e privato

La disciplina del whistleblowing si basa

lug6

06/07/2018

Aree di crisi Acerra: stop alle domande

A partire dalla ore 17,00 del 6 luglio