“Resto al Sud” apre ad under 46 e liberi professionisti

14 gennaio 2019

Con L. 145/2018 (Legge di Bilancio 2019) il Governo ha ampliato la platea dei potenziali beneficiari della misura agevolativa “Resto al Sud”.

Chi può partecipare

Con le modifiche apportate e già pienamente operative, potranno presentare l’istanza i soggetti:

- di età compresa tra i 18 anni ed i 45 anni (46 anni non ancora compiuti);

- residenti nelle regioni del Mezzogiorno o che vi trasferiscano la residenza entro 60 gg dall’ammissione della domanda;

- che non risultino già titolari di attività d’impresa in esercizio alla data del 21/06/2017 o beneficiari negli ultimi 3 anni di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità.

Quali settori sono ammessi

Sono finanziabili i progetti imprenditoriali relativi alla produzione di beni nei settori dell’artigianato e dell’industria ovvero relativi alla fornitura di servizi, compresi quelli turistici.

Inoltre con le modifiche apportate potranno presentare istanza di partecipazione anche i liberi professionisti che:

- nei 12 mesi precedenti la richiesta di agevolazione non siano stati titolari di partita IVA per un’attività analoga a quella proposta per il finanziamento;

- si impegneranno a mantenere la sede operativa nelle regioni del Mezzogiorno.

Cosa prevedono gli incentivi

Sono ammissibili le spese per ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili, per l’acquisto di impianti, macchinari e attrezzature, per programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all’avvio dell’attività.

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in:

• un contributo a fondo perduto del 35% dell’investimento complessivo;

• un finanziamento bancario del 65% dell’investimento complessivo a TASSO ZERO;

• garanzia pubblica a copertura dell’80% del finanziamento bancario;

• contributo in conto interessi.

L'importo massimo del finanziamento erogabile è di 50mila euro per ciascun socio, fino ad un ammontare massimo complessivo di 200mila euro.

Lo Studio Genus è a disposizione per informazioni ed aiuto alla predisposizione delle richieste di agevolazioni.

Archivio news

 

News dello studio

mag23

23/05/2019

Avviso Pubblico

Avviso Pubblico "La filiera produttiva turistica": domande fino al 30/06/2019

Con Determina Dirigenziale n. 15AN.2019/D.00857 del 21/05/2019 la Regione Basilicata ha prorogato la chiusura dell’Avviso Pubblico "“La filiera produttiva turistica,

mag7

07/05/2019

Contributi a fondo perduto per l’adozione di “tecnologie digitali 4.0”

Contributi a fondo perduto per l’adozione di “tecnologie digitali 4.0”

La Camera di Commercio della Basilicata, nell’ambito del progetto “P.I.D. – Punto Impresa Digitale” ha emanato il “Bando PID 2019 – Voucher Digitali I4.0” per

apr9

09/04/2019

Nuove opportunità per le PMI della Basilicata: contributi a fondo perduto per la valorizzazione dei beni culturali e ambientali della Regione

Nuove opportunità per le PMI della Basilicata: contributi a fondo perduto per la valorizzazione dei beni culturali e ambientali della Regione

La Regione Basilicata ha emanato un nuovo Avviso Pubblico denominato “La filiera produttiva turistica, culturale e creativa per la fruizione dei beni del patrimonio culturale e naturale della Regione

feb13

13/02/2019

"Acquisto carburanti 2019" - Novità in tema di deducibilità e detraibilità iva

Con l'introduzione della fattura elettronica, dal 1° gennaio 2019 si è adeguata anche la disciplina fiscale in tema di acquisti di carburanti nell'esercizio di attività di impresa,

News

giu24

24/06/2019

Società estinta: ricorso ex liquidatore improcedibile ma pretesa illegittima

Con l’ordinanza n. 16721 depositata il

giu24

24/06/2019

Decreto Crescita: via libera dalla Camera alla legge di conversione

Approvato alla Camera il disegno di legge