“Resto al Sud” apre ad under 46 e liberi professionisti

14 gennaio 2019

Con L. 145/2018 (Legge di Bilancio 2019) il Governo ha ampliato la platea dei potenziali beneficiari della misura agevolativa “Resto al Sud”.

Chi può partecipare

Con le modifiche apportate e già pienamente operative, potranno presentare l’istanza i soggetti:

- di età compresa tra i 18 anni ed i 45 anni (46 anni non ancora compiuti);

- residenti nelle regioni del Mezzogiorno o che vi trasferiscano la residenza entro 60 gg dall’ammissione della domanda;

- che non risultino già titolari di attività d’impresa in esercizio alla data del 21/06/2017 o beneficiari negli ultimi 3 anni di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità.

Quali settori sono ammessi

Sono finanziabili i progetti imprenditoriali relativi alla produzione di beni nei settori dell’artigianato e dell’industria ovvero relativi alla fornitura di servizi, compresi quelli turistici.

Inoltre con le modifiche apportate potranno presentare istanza di partecipazione anche i liberi professionisti che:

- nei 12 mesi precedenti la richiesta di agevolazione non siano stati titolari di partita IVA per un’attività analoga a quella proposta per il finanziamento;

- si impegneranno a mantenere la sede operativa nelle regioni del Mezzogiorno.

Cosa prevedono gli incentivi

Sono ammissibili le spese per ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili, per l’acquisto di impianti, macchinari e attrezzature, per programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all’avvio dell’attività.

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in:

• un contributo a fondo perduto del 35% dell’investimento complessivo;

• un finanziamento bancario del 65% dell’investimento complessivo a TASSO ZERO;

• garanzia pubblica a copertura dell’80% del finanziamento bancario;

• contributo in conto interessi.

L'importo massimo del finanziamento erogabile è di 50mila euro per ciascun socio, fino ad un ammontare massimo complessivo di 200mila euro.

Lo Studio Genus è a disposizione per informazioni ed aiuto alla predisposizione delle richieste di agevolazioni.

Archivio news

 

News dello studio

apr9

09/04/2019

Nuove opportunità per le PMI della Basilicata: contributi a fondo perduto per la valorizzazione dei beni culturali e ambientali della Regione

Nuove opportunità per le PMI della Basilicata: contributi a fondo perduto per la valorizzazione dei beni culturali e ambientali della Regione

La Regione Basilicata ha emanato un nuovo Avviso Pubblico denominato “La filiera produttiva turistica, culturale e creativa per la fruizione dei beni del patrimonio culturale e naturale della Regione

feb13

13/02/2019

"Acquisto carburanti 2019" - Novità in tema di deducibilità e detraibilità iva

Con l'introduzione della fattura elettronica, dal 1° gennaio 2019 si è adeguata anche la disciplina fiscale in tema di acquisti di carburanti nell'esercizio di attività di impresa,

gen30

30/01/2019

Crescere in Digitale – Opportunità e competenze per le imprese

Crescere in Digitale – Opportunità e competenze per le imprese

Che cos’è Crescere in Digitale è un progetto attuato da Unioncamere in partnership con Google e promosso da ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro vigilata dal

gen16

16/01/2019

Avviso INAIL ISI 2018: contributo a fondo perduto fino al 65%

Avviso INAIL ISI 2018: contributo a fondo perduto fino al 65%

Obiettivi Il presente Avviso ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento “documentato” dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro. A partire

News

apr18

18/04/2019

Fattura elettronica con standard europeo dal 18 aprile

L’obbligo di ricezione ed elaborazione

apr17

17/04/2019

Flat tax familiare al 15%: più conveniente per i nuclei monoreddito

L’Ufficio studi del CNDCEC ha analizzato

apr18

18/04/2019

Nuove tariffe INAIL: accesso ai servizi anche per le STP dei commercialisti

Tra pochi giorni anche le società tra

apr15

15/04/2019

Equity crowdfunding: un'opportunità per lo sviluppo delle aziende

Il CNDCEC e la Fondazione Nazionale dei