Pacchetto turismo: contributi a fondo perduto per le pmi lucane

29 maggio 2020

La regione Basilicata ha stanziato 23 milioni di euro per attivare una misura straordinaria di sostegno finanziario finalizzata a sostenere il settore turistico lucano ed in particolare strutture ricettive, stabilimenti balneari, agenzie di viaggio/turismo e ristoranti.

Chi può partecipare

Possono presentare domanda di contributo le P.M.I. operanti in Basilicata almeno dal 2019 e che, in base alla tipologia in cui ricade l’attività esercitata, siano in possesso dei seguenti requisiti valutati alla data di presentazione della domanda telematica:

TIPOLOGIA A

Strutture ricettive con partita iva

- essere costituite, attive ed iscritte al Registro Imprese territorialmente competente;

- essere attive in uno dei seguenti codici ATECO: 55.10.00 “Alberghi”, 55.20.10 “Villaggi turistici”, 55.20.20 “Ostelli della gioventù”, 55.20.30 “Rifugi di montagna), 55.20.40 “Colonie marine e montane”, 55.20.51 “Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti vacanze, b&b, residence”, 55.20.52 “Attività di alloggio connesse alle aziende agricole”, 55.30.00 “aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte”;

- avere una o più strutture ricettive ubicate in Basilicata;

Strutture ricettive extra-alberghiere senza partita iva (B&B, case e appartamenti per vacanze)

- avere la struttura ricettiva extra-alberghiera ubicata in Basilicata;

- avere come unica fonte di reddito i proventi derivanti dalla sola gestione dell’attività ricettiva extra-alberghiera;

- non essere titolari di pensione da lavoro superiore a 500 € al mese netti, non essere lavoratore dipendente o assimilato, non percepire altra forma di sostegno al reddito di importo superiore a 400 € al mese netti.

TIPOLOGIA B – Stabilimenti balneari

 - essere costituite, attive ed iscritte al Registro Imprese territorialmente competente;

- essere attive con codice attività 93.29.20 “Gestione di stabilimenti balneari: marittimi, lacuali, fluviali.

- avere lo stabilimento balneare sul territorio della Basilicata.

TIPOLOGIA C – Agenzie di viaggio e turismo

- essere costituite, attive ed iscritte al Registro Imprese territorialmente competente;

- essere attive in uno dei seguenti codici attività: 79.11.00 “Attività delle agenzie di viaggio”, 79.12.00 “Attività dei tour operator”, 82.99.99 "Altri servizi di sostegno alle imprese nca (solo vendita pacchetti turismo);

- avere la sede operativa principale nel territorio della Basilicata.

TIPOLOGIA D - Ristorazione con somministrazione

- essere costituite, attive ed iscritte al Registro Imprese territorialmente competente;

- essere attive in uno dei seguenti codici attività 56.10.11 “Ristorazione con somministrazione”, 56.10.12 “Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole”, 56.21.00 “Catering per eventi, banqueting”.

I soggetti che sono gestori di più attività ubicate sul territorio della Basilicata, dovranno presentare un’unica domanda di agevolazione indicando i riferimenti di ciascuna sede operativa. Resta inteso che ogni proponente può presentare e ricevere il contributo candidandosi su una sola tipologia di attività tra quelle elencate (tipologie da A a D).

Contributo a fondo perduto

L’agevolazione sarà erogata sotto forma di contributo a fondo perduto, la cui entità varia a seconda della tipologia di attività esercitata. In particolare:

Modalità di erogazione

Fino all’importo di 40.000 il contributo sarà forfetario ossia non sarà legato al sostenimento di alcuna specifica forma di spesa/investimento. La sua erogazione sarà automatica.

Per contributi superiori a 40.000 € e soltanto per la parte eccedente tale soglia, il contributo è legato al rimborso delle spese effettuate a partire dal 23/02/2020 e fino al 31/12/2020, sostenute per:

a. adeguamento, ristrutturazione e manutenzione straordinaria dei locali e degli spazi esterni, acquisto, installazione e posa in opera di impianti, attrezzatture e dispositivi che consentano di riattivare e di proseguire l'attività nella struttura e nello stabilimento con la garanzia di adeguati livelli di protezione dei lavoratori e dei clienti e di adeguate condizioni di salubrità e sicurezza degli ambienti soprattutto degli spazi comuni e delle modalità lavorative;

b. acquisizione delle consulenze finalizzate al raggiungimento degli scopi indicati nella precedente lettera a). Le spese per l'acquisizione di tali consulenze sono riconosciute nella misura massima pari al 10% della spesa relativa alla voce di cui alla lettera a);

c. spese di gestione e di personale sostenute entro il 31/12/2020 per la riapertura dell’attività nella stagione 2020;

d. costi della polizza per la richiesta dell’anticipazione;

e. oneri connessi all’occupazione di spazi aggiuntivi per distanziamenti;

Per queste spese il contributo sarà erogato previa esibizione di fatture quietanzate, in un’unica soluzione a SALDO ovvero mediante SAL pari almeno al 10% dell'investimento.

Cosa serve per poter partecipare

Per poter partecipare occorre obbligatoriamente avere un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) e un dispositivo di firma digitale.

Il richiedente il contributo è tenuto ad indicare nella domanda il codice iban del proprio conto corrente bancario o postale, intestato a se stesso, con esclusione di IBAN collegati a carte di credito/debito prepagate e/o sistemi elettronici di pagamento (es. Paypal, altro).

Da quando si può presentare la domanda

La domanda potrà essere presentata a partire dal 08/06/2020 fino al 26/06/2020.

IMPORTANTE: Per espressa previsione del bando, saranno finanziate tutte le domande che arriveranno nei giorni di apertura dello sportello. L’ordine cronologico di arrivo non determina priorità nell’erogazione del bonus. Nel caso in cui l’ammontare dei contributi richiesti superi la dotazione finanziaria disponibile, si procederà alla ripartizione delle stesse tra i beneficiari in misura proporzionale al contributo astrattamente spettante.

Come si presenta la domanda

Occorre collegarsi al sito della regione Basilicata ed andare nella sezione “Avvisi e Bandi” raggiungibile al seguente link https://portalebandi.regione.basilicata.it/PortaleBandi/home.jsp

L’accesso alla procedura informatica di compilazione della domanda potrà avvenire attraverso le seguenti modalità:

1. tramite SPID almeno di livello 2;

2. tramite l’utilizzo della C.N.S. (carta nazionale dei sevizi). Spesso la C.N.S. è contenuta direttamente nel dispositivo di firma digitale;

3. tramite nome utente, password e pin, per chi si fosse già registrato al portale della regione prima del 19/04/2017.

Cumulo

Il contributo in oggetto è cumulabile con altri incentivi e con tutte le indennità e agevolazioni emanate a livello nazionale per fronteggiare l’attuale crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria da COVID-19.

Il contributo a fondo perduto non è cumulabile con le seguenti altre agevolazioni rientranti nelle misure straordinarie emanate dalla Regione Basilicata per emergenza Covid 19:

- Avviso Pubblico Bonus Liberi professionisti approvato con DGR n. 273/2020;

- Fondo per il sostegno dell’occupazione nelle imprese cooperative” istituito con L.R. n. 12/2015;

- Per contributi a fondo perduto ottenibili a valere sul presente Avviso Pubblico superiori a € 10.000 il contributo non è cumulabile con l’Avviso Pubblico “Piccoli prestiti per le microimprese” approvato con DGR n. 197/2020.

Lo Studio Genus è a disposizione per la predisposizione ed invio delle istanze.

Archivio news

 

News dello studio

mar12

12/03/2021

Bonus fiscale per gli investimenti in beni strumentali ordinari

Bonus fiscale per gli investimenti in beni strumentali ordinari

Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali “ordinari” materiali ed immateriali La Legge di Bilancio 2021 (L. 178/2020) tramite l’art. 1 commi 1051-1063, ha modificato

mar8

08/03/2021

Credito d'imposta mezzogiorno: proroga fino al 2022

Credito d'imposta mezzogiorno: proroga fino al 2022

Credito d’imposta per gli investimenti nel mezzogiorno: agevolazioni fiscali al 45% La L. 28 dicembre 2015 n. 2018 (legge di bilancio 2016), ha istituito a decorrere dal 1° gennaio 2016 e

mar1

01/03/2021

Credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021: bonus variabile dal 50% al 75% delle spese

Credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021: bonus variabile dal 50% al 75% delle spese

L’articolo 57-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 e ss.mm.ii., ha istituito un credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari effettuati su emittenti radio-televisive e radiofoniche

feb26

26/02/2021

Resto al Sud: ampliata la platea dei beneficiari e contributo a fondo perduto al 50%

Resto al Sud: ampliata la platea dei beneficiari e contributo a fondo perduto al 50%

Resto al Sud è la misura agevolativa statale dedicata alla nascita e alla crescita delle imprese del Mezzogiorno. Nel corso degli anni si è avuto un profondo restyling che ne ha modificato