Decreto Rilancio: contributo a fondo perduto commisurato al calo di fatturato

12 giugno 2020

Il D.L. 34/2020 - Decreto Rilancio, prevede all'art. 25 una misura di sosteno a favore dei soggetti colpiti dall'emergenza epimediomologica "Covid-19", consistente in un contributo a fondo perduto commisurato alla perdita di fatturato. 

Soggetti beneficiari

Il contributo è riconosciuto a favore dei soggetti esercenti attività d’impresa esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario reddito agrario, titolari di partita IVA.

 

Soggetti esclusi

Sono esclusi dal beneficio le seguenti categorie di soggetti:

- contribuenti che hanno cessato l’attività cessato l’attività alla data di presentazione dell’istanza;

- professionisti e lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi ai quali è stata riconosciuta un'indennità indennità per il mese di marzo 2020, pari a 600 euro (art. 27 D.L n. 18/2020);

- ai contribuenti che hanno diritto alla percezione dell'indennità di cui all'art. 38 del D.L n. 18/2020 (indennità ai lavoratori dello spettacolo); 

- i lavoratori dipendenti e professionisti iscritti agli enti di diritto privato enti di diritto privato di previdenza obbligatoria;

- soggetti che hanno iniziato l’attività dopo il 30 aprile 2020, con l’eccezione delle partite Iva aperte dagli eredi per la prosecuzione dell’attività dei deceduti.

 

Presupposti

Il fatturato ed i corrispettivi del mese di aprile 2020 dev’essere inferiore di due terzi rispetto al fatturato e corrispettivi del mese di aprile 2019. In altre parole deve emergere una diminuzione di almeno il 33%.

A prescindere dall’ammontare del fatturato, il contributo spetta comunque anche ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° gennaio 2019. 

 

Determinazione del contributo

L’ammontare del contributo a fondo perduto è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

In particolare, detto contributo è determinato applicando le seguenti percentuali:

a) 20 per cento per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a quattrocentomila euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data del 19 maggio 2020;

b) 15 per cento per i soggetti con ricavi o compensi superiori a quattrocentomila euro e fino a un milione di euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data de1 19 maggio 2020;

c) 10 per cento per i soggetti con ricavi o compensi superiori a un milione di euro e fino a cinque milioni di euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data di entrata data de1 19 maggio 2020.

CASI PARTICOLARI

Per i soggetti che hanno iniziato l’attività tra gennaio e aprile 2019 e per i soggetti che hanno il domicilio o la sede operativa nei Comuni colpiti da eventi calamitosi con stato di emergenza in atto alla data del 31 gennaio 2020, il calcolo del contributo è il seguente:

a) se la differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 e quello di aprile 2019 è negativa, a tale importo (preso in valore assoluto) si applica la percentuale prevista in relazione alla soglia dei ricavi/compensi. Se il risultato è inferiore, spetta comunque l’importo minimo del contributo;

b) se la differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 e quello di aprile 2019 è pari a zero o positiva, spetta l’importo minimo del contributo.

Per i soggetti che hanno iniziato l’attività da maggio 2019, spetta l’importo minimo del contributo che non può essere comunque inferiore a mille euro per le persone fisiche e a duemila euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Il contributo non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi.

 

Richiesta del contributo

I soggetti interessati possono presentare l'istanza, esclusivamente in via telematica, direttamente o a mezzo intermediario delegato, a partire dal 15 giugno 2020 e sino al 13 agosto 2020.

 

Accreditamento del contributo

Il contributo a fondo perduto è corrisposto dall'Agenzia delle Entrate mediante accreditamento diretto in conto corrente bancario o postale intestato o cointestato al soggetto beneficiario.

 

Recupero contributo non spettante

Qualora dall’attività di controllo emerge che il contributo sia in tutto o in parte non spettante, anche a seguito del mancato superamento della verifica antimafia, l’Agenzia delle Entrate recupera il contributo non spettante, irrogando le sanzioni da 100 a 200 per cento del contributo percepito, e gli interessi (5%).

 

 Lo Studio Genus è a disposizione per chiarimenti e la predisposizione ed invio delle istanze.

Archivio news

 

News dello studio

mag31

31/05/2021

Regione Basilicata:

Regione Basilicata: "contributo a fondo perduto per le attività ferme"

REGIONE BASILICATA – DIPARTIMENTO ATTIVITA’ PRODUTTIVE CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER SOSTEGNO ALLE ATTIVITA’ FERME La regione Basilicata ha stanziato 9,750 milioni di euro per sostenere

mar12

12/03/2021

Bonus fiscale per gli investimenti in beni strumentali ordinari

Bonus fiscale per gli investimenti in beni strumentali ordinari

Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali “ordinari” materiali ed immateriali La Legge di Bilancio 2021 (L. 178/2020) tramite l’art. 1 commi 1051-1063, ha modificato

mar8

08/03/2021

Credito d'imposta mezzogiorno: proroga fino al 2022

Credito d'imposta mezzogiorno: proroga fino al 2022

Credito d’imposta per gli investimenti nel mezzogiorno: agevolazioni fiscali al 45% La L. 28 dicembre 2015 n. 2018 (legge di bilancio 2016), ha istituito a decorrere dal 1° gennaio 2016 e

mar1

01/03/2021

Credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021: bonus variabile dal 50% al 75% delle spese

Credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021: bonus variabile dal 50% al 75% delle spese

L’articolo 57-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 e ss.mm.ii., ha istituito un credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari effettuati su emittenti radio-televisive e radiofoniche

News

giu19

19/06/2021

Per la riforma fiscale non basta modificare l'IRPEF

Il Governo ancora non rende noti i contenuti

giu19

19/06/2021

Dichiarazione IMU anche per chi ha goduto delle esenzioni anti-Covid

Anche i soggetti esonerati dal versamento