Contributi a fondo perduto per le microimprese lucane

29 maggio 2020

La regione Basilicata ha stanziato 30 milioni di euro per attivare una misura straordinaria di sostegno finanziario finalizzata a sostenere le piccole realtà produttive regionali. L’Avviso Pubblico prevede la concessione di un contributo forfetario a fondo perduto da poter utilizzare anche per sostenere le prime spese per una ripartenza in sicurezza. 

Entità dell’aiuto

Il contributo a fondo perduto per l’anno 2020 è parametrato in funzione del numero di addetti in forze nel 2019. Il numero di addetti va espresso in U.L.A. (unità di lavoro-anno), ossia il numero di lavoratori occupati a tempo pieno durante un anno ed iscritti nel libro unico del lavoro dell’impresa.

Per le imprese costituite e attive dal 01/01/2020, non potendosi calcolare le U.L.A., dovrà essere preso a riferimento il numero di dipendenti assunti a tempo indeterminato o determinato alla data del 29/02/2020.

Chi può partecipare

Possono partecipare le microimprese, comprese le ditte individuali, in possesso dei seguenti requisiti:

1. essere costituite, attive e iscritte al Registro delle Imprese tenuto dalla C.C.I.A.A.;

2. avere sede legale e operativa nella Regione Basilicata alla data del 29/02/2020;

3. essere stati costretti a chiudere l’attività a causa dei provvedimenti restrittivi emanati a seguito dell’emergenza da COVID-19, a partire dal 12/03/2020 e di non aver riaperto l’attività prima del 13/04/2020 (almeno 1 mese di chiusura);

4. operare in uno dei seguenti settori: industria, artigianato, servizi alla persona, commercio, ristorazione senza somministrazione, industria culturale, creativa, sportiva, dell’intrattenimento e dei trasporti. Consulta qui i codici ATECO ammissibili. Importante: in ogni caso l'attività deve essere stata chiusa nel periodo compreso tra il 12 marzo 2020 ed il 13/04/2020.

Chi non può partecipare

Non possono partecipare le microimprese che si sono costituite ed iscritte al Registro Imprese dopo il 29/02/2020 oppure già iscritte ma con data di inizio attività posteriore al 29/02/2020.

Inoltre non possono partecipare le imprese che hanno già presentato domanda sull’Avviso Pubblico “Bonus Liberi Professionisti” di cui alla D.G.R. 273/2020 e al “Fondo per il sostegno dell’occupazione nelle imprese cooperative” istituito con L.R. n. 12/2015.          

Cosa serve per poter partecipare

Per poter partecipare occorre obbligatoriamente avere un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) e un dispositivo di firma digitale.

Il richiedente il contributo è tenuto ad indicare nella domanda il codice iban del proprio conto corrente bancario o postale, intestato a sé stesso, con esclusione di IBAN collegati a carte di credito/debito prepagate e/o sistemi elettronici di pagamento (es. Paypal, altro).

Da quando si può presentare la domanda

La domanda potrà essere presentata a partire dal 18/06/2020 fino al 08/07/2020.

IMPORTANTE: Per espressa previsione del bando, saranno finanziate tutte le domande che arriveranno nei giorni di apertura dello sportello. L’ordine cronologico di arrivo non determina priorità nell’erogazione del bonus. Nel caso in cui l’ammontare dei contributi richiesti superi la dotazione finanziaria disponibile, si procederà alla ripartizione delle stesse tra i beneficiari in misura proporzionale al contributo astrattamente spettante.

Come si presenta la domanda

Occorre collegarsi al sito della regione Basilicata ed andare nella sezione “Avvisi e Bandi” raggiungibile al seguente link https://portalebandi.regione.basilicata.it/PortaleBandi/home.jsp.

L’accesso alla procedura informatica di compilazione della domanda potrà avvenire attraverso le seguenti modalità:

1. tramite SPID almeno di livello 2;

2. tramite l’utilizzo della C.N.S. (carta nazionale dei sevizi). Spesso la C.N.S. è contenuta direttamente nel vostro dispositivo di firma digitale già in uso;

3. tramite il nome utente, password e pin, per chi si fosse già registrato al portale della regione prima del 19/04/2017.

Cumulo

Il contributo in oggetto è cumulabile con altri incentivi e con tutte le indennità e agevolazioni emanate a livello nazionale per fronteggiare l’attuale crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria da COVID-19.

Lo Studio Genus è a disposizione per la predisposizione ed invio delle istanze.

Archivio news

 

News dello studio

mar1

01/03/2021

Credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021: bonus variabile dal 50% al 75% delle spese

Credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021: bonus variabile dal 50% al 75% delle spese

L’articolo 57-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 e ss.mm.ii., ha istituito un credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari effettuati su emittenti radio-televisive e radiofoniche

feb26

26/02/2021

Resto al Sud: ampliata la platea dei beneficiari e contributo a fondo perduto al 50%

Resto al Sud: ampliata la platea dei beneficiari e contributo a fondo perduto al 50%

Resto al Sud è la misura agevolativa statale dedicata alla nascita e alla crescita delle imprese del Mezzogiorno. Nel corso degli anni si è avuto un profondo restyling che ne ha modificato

dic22

22/12/2020

Contributo

Contributo "TARI 2020" per imprese e professionisti lucani

La Regione Basilicata ha stanziato 20 milioni di euro per mettere in campo una misura straordinaria a favore delle PMI e dei liberi professionisti lucani, tesa a neutralizzare in quota parte il costo

ott28

28/10/2020

Bando

Bando "RESTART" MPMI DELLA BASILICATA

DESCRIZIONE DEL BANDO E SUOI OBIETTIVI Con il Bando RESTART MPMI Basilicata la Camera di commercio della Basilicata intende sostenere le imprese del territorio nell’affrontare la situazione di

News

mar3

03/03/2021

IVA agevolata per l'ecotomografo portatile per uso veterinario

L'ecotomografo portatile, destinato anche

mar2

02/03/2021

Credito d'imposta per personale imbarcato: chiarimenti per i non residenti

Il credito d’imposta per il personale

mar2

02/03/2021

Decreti Ristori: ripresa dei versamenti sospesi a partire dal 16 marzo

L’INPS, nel messaggio n. 896 del 2021,

mar2

02/03/2021

Bonus Transizione 4.0 e crediti d'imposta per il 2021: come utilizzarli

Dai crediti d’imposta per gli investimenti