Bando MiBACT “Borghi e Centri Storici”

03 marzo 2020

Il MiBACT ha stanziato 30 milioni di euro per il rafforzamento dell’attrattività dei borghi e dei centri storici di piccola e media dimensione, attraverso il restauro e recupero di spazi urbani, edifici storici o culturali, nonché elementi distintivi del carattere identitario.

Le domande di partecipazione potranno essere inviate entro e non oltre il 13/04/2020.

 

Chi può partecipare

Possono partecipare al presente Bando i Comuni delle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia che, alla data di presentazione della domanda telematica:

1. abbiano una popolazione residente (dati ISTAT aggiornati al 31/12/2018) non superiore a 5.000 abitanti;

oppure

2. abbiano una popolazione residente (dati ISTAT aggiornati al 31/12/2018) non superiore a 10.000 abitanti e che abbiano individuato il centro storico quale zona territoriale omogenea (ZTO) ex art.2, lettera A) del D.M. n. 1444/1968 e ss.mm.ii.

 

Interventi ammissibili

Gli interventi da realizzare dovranno ricadere nell’ambito dei seguenti codici CPV (Common Procurement Vocabulary):

 

Spese ammissibili e finalità

Saranno ammissibili le spese necessarie alla realizzazione degli interventi sopra riportati e pertanto:

- Spese per servizi e forniture;

- Lavori edili, strutturali ed impiantistici;

- Collaboratori e consulenti;

- Spese generali;

- Servizi di architettura ed ingegneria (art. 46 D.Lgs 50/2016) per la progettazione degli interventi;

- Servizi per la pianificazione economico-finanziaria e gestionale.

Queste spese dovranno essere strettamente inerenti agli ambiti di intervento CPV sopra elencati ed essere concepite in maniera organica per il raggiungimento delle seguenti finalità:

- recupero e adeguamento funzionale, strutturale e impiantistico di immobili e/o spazi pubblici;

- realizzazione di percorsi ciclabili e/o pedonali per la connessione e la fruizione dei luoghi di interesse turistico-culturale (musei, monumenti, siti Unesco, biblioteche, aree archeologiche e altre attrattive culturali, religiose, artistiche, ecc.);

- erogazione dei servizi di informazione e comunicazione per l’accoglienza (info point, visitor center, etc.), volti a favorire la fruizione del patrimonio culturale tangibile e intangibile, anche attraverso tecnologie avanzate e strumenti innovativi (prodotti editoriali e multimediali, portali informativi, pannelli interattivi, audioguide, realtà aumentata, ecc.).

- valorizzazione e ampliamento dell’offerta culturale, attraverso la realizzazione di attività e servizi artistici (installazioni, videoproiezioni, digital art, land art, ecc.), in luoghi potenzialmente interessanti sotto il profilo turistico;

- realizzazione e promozione di itinerari culturali, tematici, percorsi storici e visite guidate, anche attraverso il restauro e l’apertura al pubblico di siti;

- valorizzazione di saperi e tecniche locali (artigianato locale, tecniche costruttive e lavorazioni dei materiali secondo le tradizioni locali, ecc.) anche attraverso attività esperienziali aventi ad oggetto gli elementi simbolici del carattere identitario dei luoghi;

- miglioramento dell’accessibilità e della mobilità nei territori.

 

Localizzazione degli interventi

Gli interventi di riqualificazione e valorizzazione culturale possono riguardare immobili o spazi del patrimonio storico che abbiano le seguenti caratteristiche tra loro alternative:

- non siano più utilizzati ovvero da rifunzionalizzare;

- non completati ovvero in stato di degrado o abbandono.

In ogni caso, gli immobili o gli spazi del patrimonio storico, dovranno essere ubicati nel borgo o nel centro storico e di proprietà del Comune o del Demanio dello Stato o di altra Amministrazione Pubblica e nella disponibilità esclusiva del medesimo Comune in virtù di un titolo che ne legittimi la detenzione o il possesso per un periodo non inferiore a 20 anni.

 

Agevolazioni

Il finanziamento sarà concesso sotto forma di contributo a fondo perduto pari al 100% delle spese ammissibili e per un importo non superiore ad 1 milione di Euro.

Sulle spese e per gli interventi ammessi ad agevolazioni, non potranno essere cumulate ulteriori agevolazioni pubbliche.

 

Presentazione delle domande

Le domande di finanziamento dovranno essere inviate entro e non oltre il 13/04/2020, inviando una PEC al seguente indirizzo mbacsg.servizio2@mailcert.beniculturali.it, seguendo la modulistica presente sul sito https://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1582889097508_Allegato_Domanda_di_finanziamento.pdf

Le domande saranno finanziate in ordine di graduatoria, non per ordine cronologico, fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

 

Lo Studio Genus è a disposizione per informazioni ed aiuto alla predisposizione delle richieste di agevolazioni.

Archivio news

 

News dello studio

mag29

29/05/2020

Decreto Rilancio: contributo a fondo perduto commisurato al calo di fatturato

Decreto Rilancio: contributo a fondo perduto commisurato al calo di fatturato

Il D.L. 34/2020 - Decreto Rilancio, prevede all'art. 25 una misura di sosteno a favore dei soggetti colpiti dall'emergenza epimediomologica "Covid-19", consistente in un contributo a fondo perduto commisurato

mag29

29/05/2020

Pacchetto turismo: contributi a fondo perduto per le pmi lucane

Pacchetto turismo: contributi a fondo perduto per le pmi lucane

La regione Basilicata ha stanziato 23 milioni di euro per attivare una misura straordinaria di sostegno finanziario finalizzata a sostenere il settore turistico lucano ed in particolare strutture ricettive,

mag29

29/05/2020

Contributi a fondo perduto per le microimprese lucane

Contributi a fondo perduto per le microimprese lucane

La regione Basilicata ha stanziato 30 milioni di euro per attivare una misura straordinaria di sostegno finanziario finalizzata a sostenere le piccole realtà produttive regionali. L’Avviso

mag4

04/05/2020

Bando Invitalia

Bando Invitalia "Impresa SIcura": incentivi alle imprese per l’acquisto dei DPI (Dispositivi di protezione individuale)

Impresa SIcura è l’intervento previsto dal decreto Cura Italia (DL 18/2020, articolo 43, comma 1) che punta a sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle

News

giu1

01/06/2020

Lo sconto IRAP di giugno fa il pieno di dubbi (di incostituzionalità) e ingiustizie

Lo sconto IRAP previsto dal decreto Rilancio

giu1

01/06/2020

Covid-19: quali impatti sulla gestione contributiva dei lavoratori espatriati

Le limitazioni allo spostamento imposte

giu1

01/06/2020

Contributo a fondo perduto: ricavi e fatturato sono i parametri da monitorare

Per poter accedere al contributo a fondo