Bando Invitalia "Impresa SIcura": incentivi alle imprese per l’acquisto dei DPI (Dispositivi di protezione individuale)

04 maggio 2020

Impresa SIcura è l’intervento previsto dal decreto Cura Italia (DL 18/2020, articolo 43, comma 1) che punta a sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, di qualunque dimensione e operanti su tutto il territorio nazionale. Il bando di Invitalia consente alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale (DPI) finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19.

Attualmente sono stanziati 50 milioni di euro.

Entità dell’aiuto

Il contributo consiste in un rimborso pari al 100% delle spese sostenute per l’acquisto dei DPI destinati agli addetti dell’impresa, nel rispetto dei seguenti limiti:

- rimborso massimo pari a 500 euro (imponibili) per ogni addetto;

- il rimborso massimo complessivo per ciascuna impresa non può, in ogni caso, superare 150.000 euro.

Importante: il rimborso del costo di acquisto dei DPI è commisurato al numero di addetti a cui sono destinati. Per addetti, ai fini del presente bando, sono considerati sia i lavoratori indipendenti (imprenditori individuali, i lavoratori autonomi, i familiari coadiuvanti; i soci delle società di persone o di capitali che effettivamente partecipino all’attività lavorativa nella società) sia i lavoratori dipendenti.

Chi può partecipare

Possono presentare la domanda di rimborso tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dalla dimensione, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato. Alla data di presentazione della domanda di rimborso occorre:

- essere regolarmente costituite ed iscritte come attive al Registro delle Imprese;

- non essere in stato di liquidazione volontaria e non sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria.

Quali DPI sono ammessi

Sono ammissibili al rimborso le spese sostenute per l’acquisto di DPI le cui caratteristiche tecniche rispettano tutti i requisiti di sicurezza di cui alla vigente normativa. In particolare sono ammissibili:

- mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;

- guanti in lattice, in vinile e in nitrile;

- dispositivi per protezione oculare;

- indumenti di protezione, quali tute e/o camici;

- calzari e/o sovrascarpe;

- cuffie e/o copricapi;

- dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;

- detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

Requisiti delle spese

Per poter essere ammesse al rimborso, le spese dovranno rispettare i seguenti requisiti:

1. essere sostenute nel periodo compreso tra il 17 marzo 2020 e la data di invio della domanda di rimborso ossia non oltre l’11 giugno 2020. A tal fine farà fede la data di emissione della fattura oggetto di richiesta di rimborso. L’11 giugno 2020 è il termine massimo per la presentazione della domanda di rimborso, pertanto resta inteso che entro tale data tutte le fatture interessate dovranno essere regolarmente saldate;

2. le fatture dovranno essere pagate attraverso conti correnti intestati all’impresa e con modalità che consentano la piena tracciabilità del pagamento e l’immediata riconducibilità dello stesso alla relativa fattura;

3. le spese chieste a rimborso non potranno essere inferiori ad € 500 imponibili. È possibile mettere insieme più fatture anche di importo inferiore a tale soglia, purché la loro somma sia superiore ad € 500 imponibili.

Esempio: n. 3 fatture, ciascuna di importo pari a 200 € oppure n. 6 fatture di importo pari a 90 € ciascuna.

Come si presenta la domanda

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente mediante procedura telematica che si articola in 3 fasi:

La procedura informatica ed i modelli da compilare saranno resi disponibili sul sito di Invitalia, raggiungibile cliccando sul seguente link https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/emergenza-coronavirus/impresa-sicura

Per l’invio delle istanze è necessario essere in possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC) relativa all’attività e di una C.N.S. (Carta Nazionale dei Servizi) che, molto spesso, è contenuta direttamente nel dispositivo di firma digitale intestato al titolare/legale rappresentante dell’impresa.

Lo Studio Genus è a disposizione per la valutazione degli investimenti e la predisposizione ed invio delle istanze.

Archivio news

 

News dello studio

mar1

01/03/2021

Credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021: bonus variabile dal 50% al 75% delle spese

Credito d'imposta per investimenti pubblicitari 2021: bonus variabile dal 50% al 75% delle spese

L’articolo 57-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 e ss.mm.ii., ha istituito un credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari effettuati su emittenti radio-televisive e radiofoniche

feb26

26/02/2021

Resto al Sud: ampliata la platea dei beneficiari e contributo a fondo perduto al 50%

Resto al Sud: ampliata la platea dei beneficiari e contributo a fondo perduto al 50%

Resto al Sud è la misura agevolativa statale dedicata alla nascita e alla crescita delle imprese del Mezzogiorno. Nel corso degli anni si è avuto un profondo restyling che ne ha modificato

dic22

22/12/2020

Contributo

Contributo "TARI 2020" per imprese e professionisti lucani

La Regione Basilicata ha stanziato 20 milioni di euro per mettere in campo una misura straordinaria a favore delle PMI e dei liberi professionisti lucani, tesa a neutralizzare in quota parte il costo

ott28

28/10/2020

Bando

Bando "RESTART" MPMI DELLA BASILICATA

DESCRIZIONE DEL BANDO E SUOI OBIETTIVI Con il Bando RESTART MPMI Basilicata la Camera di commercio della Basilicata intende sostenere le imprese del territorio nell’affrontare la situazione di

News

mar3

03/03/2021

IVA agevolata per l'ecotomografo portatile per uso veterinario

L'ecotomografo portatile, destinato anche

mar2

02/03/2021

Credito d'imposta per personale imbarcato: chiarimenti per i non residenti

Il credito d’imposta per il personale

mar2

02/03/2021

Decreti Ristori: ripresa dei versamenti sospesi a partire dal 16 marzo

L’INPS, nel messaggio n. 896 del 2021,

mar2

02/03/2021

Bonus Transizione 4.0 e crediti d'imposta per il 2021: come utilizzarli

Dai crediti d’imposta per gli investimenti